Armando Miccoli – Un Salentino d’America

Arnaldo Miccoli

La mostra di Armando Miccoli alla ex Chiesa di Santa Maria della Misericordia in via Oberdan è una di quelle occasioni (sempre più frequenti) in cui mi accorgo che la mia passione per Perugia viene ricambiata. Perugia mi ama e mi regala bellezza ogni giorno.

Ogni volta che c’è una mostra nello spazio di via Oberdan io ci entro. Andando in ufficio e tornando dall’ufficio ci passo davanti… lo sforzo è minimo, dirà qualcuno. Ora vi assicuro che ci sono centinaia di perugini che passano davanti a quello spazio espositivo senza nemmeno rallentare.

Ecco, il suggerimento che voglio dare oggi è questo: fino al 14 settembre lo spazio ospita la mostra di un artista salentino che ha girato il mondo, ha lavorato a New York, ha conosciuto Andy Wharol. I suoi quadri si trovano in collezioni pubbliche e private in Italia, Francia, Svizzera, Israele, Giappone, Canada, Messico e negli Stati Uniti d’America.

Arnaldo-Miccoli

Arnaldo Miccoli

Perugia mi ama perché in un tardo pomeriggio uggioso, con il cielo che vorrebbe piovere, dopo una giornata di lavoro a modo suo stressante, tornando a casa mia, dall’interno della sala un quadro (Totem) mi fa l’occhiolino. Dovrei affrettarmi, visto che sembra che stia per piovere… ma una visita veloce, giusto per capire se quel quadro che da lontano mi ha colpito ha qualcosa d’altro da dirmi… Varco la soglia, entro nel mondo di Arnaldo Miccoli e mi trovo subito a casa. Il Gladiatore a riposo mi fa un po’ paura, ma il mondo di Miccoli mi rapisce per qualche minuto. Sto per andarmene e poi oso chiedere al signore che è seduto al centro della sala “ma è lei l’artista?”. Bastano due parole e ci stiamo entusiasmando insieme per la sontuosa bellezza della sua città (Lecce) e della sua terra (il Salento). Non fa fatica a raccontarmi che vive tra gli USA e l’Italia, ma soprattutto negli USA (New Jersey) e che nella sua vita ne ha viste, cose, che noi umani… compreso Andy Wahrol che portava nel negozio di sua moglie le sue pubblicazioni autografate. Negli anni ’80 si trasferisce definitivamente nel New Jersey in una vita dove l’arte non viene mai messa da parte: insegna, illustra, dipinge. Quando dico “illustra”, visto che lavora anche a New York, intendo che realizza copertine per dischi e disegni per T-Shirt di musicisti di fama internazionale che faranno il giro del mondo.

Poco dopo arriva anche la moglie, chiacchieriamo scaldandoci con un po’ di entusiasmo in questo tardo pomeriggio grigio e infreddolito. Ci vedremo su facebook, ci seguiremo via e-mail.

Ecco che cosa mi ha regalato Perugia in un qualsiasi martedì pomeriggio. Bisogna stare sempre con gli occhi aperti: la bellezza è ovunque!

Marco Morello di supersalute.com

Sbaracco, il saldo dei saldi

Sbaracco

Sbaracco – Il saldo dei saldi

Perugia, 30 agosto 2014. Oggi i saldi a Perugia diventano supersaldi. L’iniziativa SBARACCO – IL SALDO DEI SALDI porta i commercianti fuori dai loro negozi con banchetti graziosi e ordinati pieni di offerte al 50%. C’è chi ha anche scandagliato a fondo il proprio magazzino alla ricerca di tesori perduti, come la Gioielleria Galeazzi che ha deciso di mettere in vendita gli orologi da collezione Ellesse (con tanto di scatola originale a forma dello storico marchio) e tanti altri articoli vintage (originali e nuovi!) o la Profumeria Bottini che propone una selezione di prodotti che fanno impazzire le signore di tutta Perugia, sempre con il 50% di sconto. Anche Cantarelli e Ricci hanno i loro banchetti, per un’iniziativa che dura tutto il giorno, anche dopo cena, fino a mezzanotte. Per l’occasione i parcheggi a pagamento (tranne quello del Mercato Coperto) offrono sosta giornaliera al costo di due euro e mezzo.

Nelle piazze della città e lungo corso Vannucci ci saranno anche musica dal vivo e laboratori per bambini e adulti. Oggi, si direbbe in perugino, tocca gì in centro!

Piedibus

Piedibus della Salute e del Ben Essere

Per chi vuole scoprire le bellezze del centro storico di Perugia riscoprendo anche il piacere di percorrerlo a piedi, l’ormai consolidata attività del Piedibus della Salute e del Ben Essere organizza proprio oggi una splendida passeggiata  dalle 15.30 fino a quando ci si stufa. L’entusiasmo di Erminia Battista regge e consolida di anno in anno la bellezza di questo progetto: far riscoprire Perugia ai perugini, a piedi, nei vicoli o nella natura circostante, ricercando gli antichi mestieri, le botteghe, parlando, facendo del sano networking nel mondo reale – ovvero chiacchierando con la gente di persona, guardandosi negli occhi, scambiandosi strette di mano e anche abbracci! Per questa passeggiata del 30 agosto si parte da via Enrico Dal Pozzo (dove si può parcheggiare l’auto), si passa per la Galleria d’arte dei piccoli e nel percorso si incontrano suggestioni, assaggi, sorprese fino ad arrivare in centro dove si svolgerà un flash mob a cura dell’Avis. Il percorso della passeggiata è di 3 chilometri ed è alla portata di tutti, purché si indossino scarpe comode.

Marco Morello di supersalute.com

La dolce vista

Betty Press e Philippa Stannard

Dal 2 al 19 agosto nella ex chiesa della Misericordia di Via Oberdan 54 (Perugia centro) c’è una mostra fotografica che vale la pena visitare. C’è lo sguardo su Perugia di due fotografe americane. Una vive a Perugia da 12 anni. L’altra è fotografa e fotoreporter internazionale e professore aggiunto di fotografia presso la University of Southern Mississipi.

Vedere la città come la vedo io (milanese naturalizzato), splendida nel suo quotidiano, mi ha fatto sentire vicino a queste due signore della fotografia internazionale e per questo sono molto grato a tutt’e due e alla mostra.

Per gli appassionati della fotografia istagrammatica di oggi, molte delle foto (molte, quasi tutte) sono tratte dal photostream di Instagram delle due fotografe. A sottolineare che è pursempre vero che esiste una Fotografia con la Effe maiuscola e una con la effe minuscola. Ma sempre di fotografia si tratta. Entrambe possono dare grandi emozioni.

Chi vuole vedere DAL VIVO E STAMPATO il lavoro di Betty Press e Philippa Stannard ha tempo fino fino al 19 agosto. Oppure può visitare i rispettivi siti bettypress.com e philippastannard.com.

Io ho visitato la mostra questa sera, nella Notte di San Lorenzo di Perugia, piena di bella gente felice di vivere la sua città, di musica e di locali (anche nuovi) aperti e pieni di gente. E’ stato un bel momento per vedere la mostra. Ringrazio le fotografe e la città di Perugia per il bello che sta nuovamente iniziando a offrirci.

Marco Morello di supersalute.com

La notte di San Lorenzo a Perugia

Notte di San Lorenzo 2014, Perugia

Mappa delle iniziative di Farenight 2014

Oggi si festeggia San Lorenzo, uno dei patroni di Perugia. Ma è anche un giorno speciale per Perugia, perché l’aria nuova che tira in città porta una grane voglia di cose belle. Quindi questa è la sera giusta per venire in centro. Perché questa sera il centro storico di Perugia sarà un posto magico, con musica dal vivo in ogni piazza, locali aperti e tanta tanta gente con una grande voglia di divertirsi e passare il tempo insieme.

Il programma completo si può trovare qui: Ballando sotto le stelle… cadenti.

Io mi sono divertito a fare una mappa della città seguendo gli eventi. In poco più di due chilometri e mezzo di percorso si potrà godere di più di dieci palchi con musica per ogni gusto.

Se si aggiungono anche la PENNA SILENT-DISCO di Palazzo della Penna e il DANCING UNDER STARS… FALLING di Piazza del Bacio e le altre iniziative per la festa di San Lorenzo, questa è chiaramente una serata da passare a Perugia, in centro.

Marco Morello

P.S.: Un ringraziamento speciale a Rita Paltracca, pilastro dell’Ufficio Cultura di Perugia, per gli aggiornamenti e le informazioni sulle cose belle che succedono in città.

Michela Angeletti e la Floriterapia Australiana, al Flower Show

Floriterapia Australiana al Flower Show

Domani, domenica 25 maggio 2014, si vota per le elezioni amministrative di Perugia. Subito dopo aver votato con l’obiettivo di far rifiorire Perugia, suggerisco di fare una bella passeggiata fino ai giardini del Frontone. Una Perugia bella da vivere è quella che si trova in fondo a Borgo XX Giugno, alla manifestazione Perugia Flower Show. Espositori da tutta Italia e da tutto il mondo portano il loro messaggio di bellezza, profumi e colori nel cuore della nostra splendida città.

Dopo aver fatto un giretto tra i banchetti alla scoperta di piante belle, rare e originali, alle 12 sarà interessante seguire il laboratorio didattico “Floriterapia Australiana, le nuove frontiere del benessere” tenuto da Michela Angeletti.

Ci vediamo al Flower Show domenica!

Marco Morello di supersalute.com

Flash Mob “Riprendiamoci Perugia”

riprendiamoci_perugia_flash-mob

Perugia, 23 maggio 2014 – Adriana Galgano è inarrestabile. Dopo aver organizzato incontri di approfondimento, aver presenziato a tutti gli appuntamenti televisivi e pubblici, aver guidato una fiaccolata nelle zone del degrado perugino, oggi chiude la sua campagna elettorale con un flash mob in Piazza IV Novembre, davanti alla Fontana Maggiore, alle 19.

Che cosa succeda nel corso del flash mob non è dato sapere. Ma mi è piaciuta e mi piace la scelta di una campagna senza sprechi, concentrata sui contenuti, che non si lascia guidare dalla moda imperante perugina, dove si va a caccia di voti con cene gratis, panini alla porchetta per tutti, aperitivi offerti con soldi pubblici o privati che siano, comunque a testimonianza di un modo di fare politica vecchio e clientelistico.

Ben venga l’impegno fattivo, personale, sui temi importanti della città. Uno degli slogan che mi ha più colpito di questa campagna è “Per una Perugia bella da vivere”.

La voglio anche io una Perugia bella da vivere. Quindi stasera andrò al flash mob di Adriana Galgano e della sua lista.

Ci vediamo alla fontana alle sette.

Marco Morello di supersalute.com

AGGIORNAMENTO. Ecco le foto del flash mob: CLICCA QUI PER LE FOTOGRAFIE.

Come si vota alle elezioni amministrative del 2014

Nelle scorse settimane mi è stato domandato più volte “come si vota?” e io che sono abbastanza pignolo ho chiesto delucidazioni all’ufficio elettorale. Ne è nato un post sul sito adrianagalgano.it dove si spiega come si vota in generale e come si può esprimere un voto disgiunto in particolare. Le istruzioni sono relative ai comuni con più di 15.000 abitanti (quindi vanno bene per Perugia).

Qui di seguito invece riporto un fac-simile della scheda dove si riporta l’esempio, probabilmente molto più comune, di un elettore che voglia votare uno specifico sindaco, una specifica lista che lo sostiene e voglia indicare due preferenze per i consiglieri.

Questa opportunità è una novità, ed è possibile solo grazie al voto di genere. Se si vuole esprimere la doppia preferenza bisogna avere l’accortezza di scegliere un uomo e una donna. Non vale quindi votare per due uomini o per due donne. Chiaramente non è obbligatorio esprimere due preferenze. Se ne può tranquillamente esprimere anche solo una, ma visto che la preferenza è il modo più efficace per gli elettori per avere sotto controllo la vita politica e prendere decisioni in prima persona, si tratta di un’opportunità da non sprecare.

Ecco quindi di seguito una scheda esempio, dove si illustra il caso indicato, ovvero: voglio esprimere il voto per uno specifico sindaco, per una lista che lo sostiene e per due consiglieri (una donna e un uomo).

Come si vota, amministrative 2014

Come si vota, elezioni amministrative 2014

 

Mi piace sottolineare che la scheda elettorale deve essere utilizzata dagli elettori per rendere chiara la propria intenzione di voto. Quindi se si scrive il nome di un consigliare accanto alla sua lista di appartenenza, per il solo fatto di aver scritto il nome del consigliere si è automaticamente votata anche la sua lista. Non serve quindi mettere la X sul nome della lista, quando si esprime la preferenza. Ma se si mette la X non è un errore.

E’  inoltre vero che se scelgo il mio consigliere preferito (o i miei consiglieri preferiti) e non metto alcuna croce, l’intenzione di voto che ne risulta è che io voglio sostenere la loro lista e il sindaco che rappresentano. Ma anche se non è indispensabile mettere la X sul simbolo della lista e accanto al nome del sindaco, in verità segnare chiaramente con la X le proprie scelte serve per “blindare” la scheda e metterla al sicuro dall’eventualità di brogli. Esistendo la possibilità del voto disgiunto, infatti, se non mettiamo una bella X accanto al nome del nostro sindaco preferito, rischiamo che qualcuno possa manomettere la nostra scheda aggiungendo la X al nome di un altro sindaco. Ovviamente si tratta di un reato. Ma avete mai ascoltato i racconti degli scrutinatori? Ci sono storie da far rabbrividire. Quindi… esprimiamo il nostro voto con chiarezza!