faceless_img_1748Prendi dieci giovani menti creative, sbattile dentro il Nuovo Istitudto Design di Perugia, agitale bene in un corso di fotografia, servile con abbondante zenzero e una fettina di lime nello spazio espositivo dell’ex-Ospedale della Misericordia in via Oberdan 54… il cockail è servito. Ed è una bomba.

faceless_img_1747In mostra, il mostro: l’uomo di adesso. Uomo inteso come essere umano. Perché qui, a farla da padrona – se proprio vi appassionano le faccende di genere – sono le donne. Sia come soggetti sia come artiste. Dei 10 fotografi che espongono fino al 21 novembre, 8 sono donne. Giovani donne e uomini che ci lanciano un bel messaggio, nell’era del selfie: non è obbligatorio un volto per raccontare una storia. Nell’era dell’autorappresentazione e di faccia-libro, una mostra sfacciata, senza volti, ci racconta lo smarrimento in cui ci troviamo oggi. Sempre più rappresentati, sempre meno consapevoli di quello che stiamo rappresentando.

Il mostro in mostra, l’uomo, perde in mostruosità e acquista in profondità, introspezione, spessore grazie alla scelta di non mostrarne, di nasconderne o di mascherarne il viso. Una scelta che paga – e appaga il visitatore, scaraventato in un mondo di rimandi ad altra arte, a serie tv, a musica… Un mondo di belle immagini, di idee forti, di tecnica e poesia.

Una bella mostra. Da vedere.

Marco Morello