A volte mi capita di pensare ai finanziamenti dell’Unione Europea come a un concetto astratto, come si trattasse di soldi che non riguardano me come cittadino o come imprenditore. Soldi che prendono strade misteriose e arrivano in tasche misteriose, lontane dalla mia vita individuale e professionale.

Non devo essere l’unico a vivere questo tipo di sentimento se l’Unione Europea in persona ha deciso di finanziare una mostra itinerante (a Perugia proprio in questi giorni e a Città di Castello dalla prossima settimana) per mostrare come questi concetti astratti si trasformino tutti i giorni in fatti concreti, a uso e consumo di cittadini, enti e imprese reali.

Da oggi fino a venerdì 24 ottobre, nello spazio espositivo di via Oberdan (la ex chiesa di Santa Maria della Misericordia), è stata allestita la mostra “europa umbria” dove vengono raccontati gli interventi svoltisi dal 2000 al 2006 sul territorio umbro grazie al Programma Operativo Regionale (POR) del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR).

Un’occasione pubblica davvero unica per vedere dove sono andati a finire i soldi che imprese ed enti hanno ottenuto grazie ai bandi della comunità europea. Al banchetto dell’ingresso si potrà ritirare un’utilissima “Guida del cittadino alle istituzioni della UE” che spiega in modo molto semplice come funziona l’unione europea.

Manuale del cittadino

Manuale del cittadino

La mostra prepara l’incontro che si terrà venerdì 24 ottobre, un vero e proprio convegno aperto al pubblico al quale parteciperanno le figure della Regione Umbria preposte a bandi e fondi europei. L’incontro si terrà nella sala della Partecipazione di PALAZZO CESARONI (sede del Consiglio Regionale della Regione Umbria – quello per intenderci che si affaccia su Piazza Italia).
Saranno presenti i massimi responsabili (e quindi esperti) per ogni settore di intervento sarà, cosa che consentirà ai presenti di scoprire tutto quello che c’è da sapere sulle modalità di accesso ai fondi e di fare domande alle persone più qualificate sull’argomento, abitualmente barricate nei loro uffici.
Quello di venerdì è un appuntamento imperdibile per tutti gli imprenditori che hanno voglia di espandere la propria attività e per tutti coloro che, con un’idea nel cassetto, cercano un sostegno economico per realizzarla.

Fino a venerdì i perugini, gli umbri e le migliaia di turisti accorsi a Perugia per Eurochocolate avranno quindi la possibilità di prendersi una pausa dalla frenesia dello shopping al cacao per trovare informazioni su come contrastare la crisi economica che ci travolge e trovare supporto per le loro iniziative nei finanziamenti europei. Potranno farsi guidare nel mondo dei finanziamenti dell’unione europea dalla competente guida della persona che presidia la sala d’esposizione della mostra. Non sottovalutatela: è la responsabile di uno dei 48 uffici “Direct Europe” italiani, nati per rendere più vicina l’Europa a ciascuno di noi.

Per avere sottomano il calendario degli appuntamenti (compreso quello del 24 ottobre a Perugia) è possibile scaricare il programma degli incontri in formato PDF.

Marco Morello di supersalute.com