filippo-timiDal 1 al 5 aprile
Santo Rocco e Garrincha
In collaborazione con
Nuovo Teatro Nuovo
presentano
Il Popolo non ha il pane?
Diamogli le brioche

di e con Filippo Timi e Stefania De Santis

ATTORI Lucia Mascino, Luca Pignagnoli, Marina Rocco
OFELIA Paola Fresa
AMLETO Filippo Timi

— — —

In realtà stasera sono stata a vedere quello che ormai è diventato un vecchio amico, nonostante sia nato nel 1974: Filippo Timi.

Io e Filo Filippo Timi non ci siamo mai incontrati, almeno in maniera consapevole, ma abbiamo percorso un pezzo di vita insieme. Ci siamo “intorcinati” in questa esistenza di provincia perugina per poi scappare e infine riscoprire il nostro essere umbri.

Ho appena finito di leggere l’ultima fatica letteraria PEGGIO CHE DIVENTARE FAMOSO, dove ho potuto pregustare questo spettacolo raccogliendone i sapidi indizi sparsi nel testo.
Stasera al Teatro Morlacchi mi sono davvero divertita e se questa può sembrare la più banale delle affermazioni, vi assicuro che invece la definizione calza perfettamente.

Si tratta di una rivisitazione di Amleto, ma non voglio darvi altre indicazioni per non rovinarvi il gusto di assaporare ogni istante della pièce.
Non è la prima volta che vedo Filippo Timi a teatro, lo avevo già “goduto” al PIM di Milano con lo spettacolo LA VITA BESTIA tratto dall’altro suo bellissimo libro TUTTALPIU’ MUOIO.
Anche questa volta mi ha fatto ridere, piangere e trattenere il fiato.
Mi sono dispersa nei suoi occhi, nella voce stupefacente, nell’ironia del testo.
Ho incontrato i miei fantasmi, mi sono innamorata e poi sono morta affogata.

Da segnalare inoltre la straordinaria bravura di tutto il cast, con dei monologhi femminili dotati di rara intensità.
Non perdetevi quindi l’occasione di incontrare un artista completo, un compagno di banco, un attore pluripremiato e talentuoso, un conterraneo, un amico… Filo.

Michela Angeletti