Filippo Timi, Perugia

Filippo Timi e l'Accademia del Donca

Filippo Timi e l'Accademia del Donca

Venerdì 3 aprile 2009 quel gran genio di Filippo Timi (al Morlacchi fino al 5 aprile con uno spettacolo irresistibile) sarà al Morlacchi anche alle 17 per leggere i classici della poesia perugina, in perugino. L’iniziativa è frutto della passione di Filippo Timi per la lingua perugina e della travolgente furia organizzativa di quelli dell’Accademia del Donca.

VENERDì 3 APRILE, ORE 17.00
Teatro Morlacchi, Piazza Morlacchi, 13 – PERUGIA
INGRESSO LIBERO

I fans più sfegatati sappiano che Filippo è al Morlacchi anche oggi pomeriggio, giovedì 2 aprile, per un incontro aperto al pubblico sullo spettacolo teatrale che sta portando in giro per l’Italia, in questi giorni a Perugia.

Ecco, di seguito,  il comunicato stampa ufficiale dell’Accademia del Donca.

— — — — — — —

L’Accademia del Dónca offre alla città e ai soci un evento mediatico di singolare caratura. Al teatro comunale Morlacchi, venerdì 3 aprile alle ore 17, l’incontro con Filippo Timi, che si proporrà nella veste di lettore dell’opera di Ennio Cricco, scrittore magionese, autore dell’“Inferno di Dante raccontato ai perugini”.

Timi porta come una medaglia la tessera numero 600, assegnatagli dall’associazione di cultura, posta a tutela della lingua e della tradizione antropologica del Grifo.
Già due anni fa, all’Università per Stranieri, l’attore e scrittore di Ponte San Giovanni aveva reso omaggio alla poesia del grande Claudio Spinelli, nel quinto anno dalla scomparsa. In quella circostanza, l’aula magna di palazzo Gallenga non ce la fece a contenere le oltre seicento persone, principalmente giovani, accorse in massa a far festa al popolarissimo uomo di spettacolo.

Per venerdì si prevede un identico copione. L’Accademia ha provveduto a fornire il bel libro “Scritti in perugino-magionese”, opera omnia di Cricco, a cura di Sandro Allegrini, stampata dall’editore Morlacchi, d’intesa col Comune (Massimo Alunni Proietti) e della pro-loco di Magione (Luigi Bufoli). Timi saprà farne buon uso, enucleandone i testi a suo avviso più efficaci. E darne una interpretazione adeguata.

Le letture saranno tratte dalle “Favole” di Esopo, voltate in lingua perugina, e dai “Bozzetti poetici” originali, che raccontano un’esperienza di vita di grande valenza e attualità. Cricco vive in quel di Bolzano, ha la rispettabile età di 85 anni, ed è emozionato alla notizia che, dopo l’“Inferno”, anche le altre sue opere in lingua perugina vengano lette da un attore di fama internazionale.
E, per di più, capace di rendere la “calata” della lingua perugina, nella configurazione suburbana dei Ponti. Timi è anche autore del lavoro “Il popolo non ha il pane? Diamogli le brioche”, proposto al Morlacchi dal 1 al 5 di aprile. D’altronde ha già pubblicato tre libri di successo ed ha promesso al Dónca degli inediti in perugino da inserire nel prossimo volume antologico “Officina del dialetto” del 2009.

Oltre alle letture, l’Accademia propone un talk show con l’attore che racconterà ai sui fans il proprio percorso professionale. Con un occhio di riguardo ai consueti siparietti ironici sulla famiglia e sulle zie, oltre che agli aneddoti con cui punteggia le proprie affabulazioni. “Quan parlo n perugino nne zagaglio”, dice scherzando sulla sua balbuzie. Venerdì saranno in tanti a battergli le mani. Anche se dovesse impuntarsi.
— — — — — — —

Marco Morello

integratori-alimentari-online-vendita-sponsor-80

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...